A Sos mortos. Rapportiamo antichi rituali ai giorni nostri

I piccoli paesi della Sardegna conservano grandi e antiche tradizioni.

Nella notte tra il 1 e il 2 novembre si aspettava anticamente il ritorno delle anime e le tavole delle nostre nonne restavano apparecchiate tutta la notte per l’occasione. La tovaglia BUONA sistemata in un angolo del tavolo, imbandita con la pietanza preparata per l’occasione, generalmente “maccarrones cun bagna” ossia pasta al sugo per chi non conosce il dialetto, un bel bicchiere di vino nuovo e naturalmente papassini e pane ‘e saba.

A dare un tocco di lugubre romanticismo, un lumicino da accendere prima di andare a dormire, per accogliere degnamente il defunto commensale.

Sfortunatamente per le nostre nonne, se al mattino trovavano il piatto pulito e il bicchiere asciutto, non era certo opera del parente passato a miglior vita, ma magari lo zio di ritorno dalla campagna, o i giovani parenti buontemponi, che avevano approfittato con piacere del banchetto notturno.

Stiamo parlando di quello che accadeva nella maggior parte dei paesi della nostra Isola sino a cinquant’anni fa; e come è facile intuire dalle fotografie del tempo, con i sorrisi dei protagonisti per la maggior parte edentuli, per i nostri antenati l’igiene orale era solo una storiella “cittadina” poco praticabile. Difficilmente dopo ogni pasto si era soliti correre all’utilizzo di dentifricio e spazzolino. E gli zuccheri della pasta, del vino e dei papassini portavano a concentrarsi moltissimo nella saliva, favorendo la formazione della placca batterica e promuovendo a lungo andare carie e malattia parodontale, quella che anticamente era chiamata Piorrea. Che progrediva naturalmente senza trattamenti con la riduzione dell’osso intorno al dente sino a causare la perdita dell’elemento stesso. Questa è una malattia molto grave, ancora oggi spesso sottovalutata mentre è molto importante prevenirla sin dalla giovane età, sottoponendosi a regolari controlli e a sedute di igiene professionale dal proprio dentista, ma prima di tutto osservando la corretta igiene dentale domestica, dopo ogni pasto, ogni dolce, e ogni spuntino anche se sia notturno 🙂

Condividi..