Terapia miofunzionale e deglutizione atipica

Una corretta masticazione è un elemento fondamentale per la salute della nostra bocca e, in ultimo, del nostro corpo in generale. Dovete tener infatti presente che ogni volta che mangiamo, respiriamo, deglutiamo o ridiamo e parliamo ogni nostro muscolo facciale compie migliaia di micromovimenti. Questo processo avviene a tutte le ore del giorno. Voi immaginate di iniziare ad utilizzare in maniera scorretta anche solo uno di questi muscoli. Bene, ora pensate che, per compiere quelle azioni – che fate continuamente e automaticamente, senza manco accorgervene – il carico di lavoro del vostro muscolo “scansafatiche” se lo dovranno sobbarcare tutti gli altri muscoli.

La situazione non andrà che peggiorare nei mesi e purtroppo anche negli anni successivi. Fotografate questa immagine nella vostra mente: la vostra bocca che compie per milioni e milioni di volte dei movimenti sbagliati. E’ l’equivalente, in ambito odontoiatrico, dell’azione distruttiva che esercitano le onde su di una scogliera in migliaia di anni, o la classica goccia che buca la roccia. Ecco, sfortunatamente la nostra bocca non è tanto resistente e bastano solo alcuni anni di masticazione inefficiente o di deglutizione atipica per iniziare a subire pesanti effetti sul nostro corpo.

Ma che cos’è la deglutizione atipica? Iniziamo col chiarire che la deglutizione, come processo neuromuscolare, va incontro ad una maturazione fisiologica, seguendo la nostra crescita. Quindi esiste una deglutizione infantile e una da adulto. Ci troviamo di fronte a quella atipica nei casi in cui l’adulto ha mantenuto il tipo di deglutizione infantile. Possiamo dire che: l’adulto non è del tutto cresciuto!

La terapia miofunzionale, dal greco mys = muscolo, si occupa di riequilibrare nel bambino – a scopo preventivo – o nell’adulto – a scopo correttivo – il corretto e armonico movimento di lingua, labbra e muscoli mandibolari. Tutto parte da una serie di test, per comprendere se ci troviamo davanti a questo tipo di malfunzionamento: quello che si vuole verificare è se la lingua rimane troppo bassa oppure fra i denti, e non va ad occupare la sua corretta posizione sul palato.

Il primo test, imprescindibile, è quello della fluorescina, in modo  da evidenziare immediatamente il tipo di deglutizione. Grazie poi al myometer, un apparecchio che misura il tono muscolare di lingua, labbra e guance, è possibile effettuare in studio la diagnosi completa per l’analisi della disfunzione muscolare in deglutizione atipica.

Quali sono le conseguenze di una deglutizione scorretta?

  • Ingresso limitato di aria dal naso con conseguente respirazione orale;
  • La lingua spinge in maniera scorretta sui denti determinando ad esempio il morso aperto o il morso crociato;
  • Russamento notturno e sonno disturbato, fino alle apnee;
  • Permanenza di muco nelle cavità nasali e uditive con predisposizioni ai raffreddori cronici, alle otiti o ai cali d’udito;
  • Tendenza alle tonsilliti recidivanti e problemi alle adenoidi.

Cosa comporta invece il ripristino di una corretta deglutizione?

  • Ingresso corretto d’aria dalle vie respiratorie e ripristino della respirazione nasale;
  • La lingua si posiziona in maniera corretta, stimolando la crescita del palato;
  • Auto pulizia delle cavità nasali ed uditive evitando i ristagni di muco, causa di infezioni ricorrenti oro faringee
  • Respirazione corretta notturna, con il ripristino del riposo fisiologico notturno

Bene, ora invece parliamo di come, una volta evidenziato il problema e avendo ben chiaro costi e benefici del suo trattamento, si articola la terapia.

Fondamentalmente si procede elaborando un piano di allenamento per i nostri muscoli linguali. Una vera e propria “ginnastica”, con esercizi personalizzati che verranno spiegati in studio ed eseguiti autonomamente a casa.

La cura è infatti molto responsabilizzante per il paziente. Il dottore e la terapista miofunzionale si occuperanno di individuare il problema, di elaborare una strategia di allenamento per ripristinare l’equilibrio della masticazione, di spiegare gli esercizi da svolgere e supervedere periodicamente l’andamento della terapia, ma spetta alla disciplina del paziente – e dei genitori nel caso di un bambino – dire l’ultima parola in merito.

La lingua infatti impara pian piano le nuove dinamiche funzionali, riconoscendo in maniera propriocettiva la giusta posizione del palato. Il riequilibrio della funzione muscolare determina la risoluzione sia delle malocclusioni, che dei sintomi accessori legati alla respirazione. Il processo è lungo mediamente un anno, coi casi più gravi che possono richiedere anche una maggior quantità di tempo. E’ quindi cruciale la dedizione del paziente, oltre che la giusta supervisione di medico e terapista.

Vi è poi, per concludere, un’interessante considerazione che fa riflettere. E’ stato verificato da diversi studi che spesso capita che ad una mancata maturazione della deglutizione segua una mancata maturazione del carattere della persona stessa. Questo non vuol naturalmente dire che se si ha la deglutizione atipica ci si comporta come dei bambini anche a trenta o quarant’anni, ma che è possibile riscontrare dei deficit in alcuni aspetti della personalità come il senso della responsabilità, la fiducia in se stessi, la capacità decisionale e così via.

E’ stato inoltre riscontrato il fatto che questi aspetti caratteriali tendano a migliorare negli adulti che hanno eseguito correttamente la terapia. Chiariamoci, il carattere si forma in ragione di una molteplicità di fattori, di cui quello della salute corporea è solo uno dei tanti, ma il dato rimane comunque molto interessante.

Teniamo sempre a mente che la nostra salute psichica deriva dal benessere del nostro corpo e il benessere del nostro corpo può trovare la sua origine all’interno dei fisiologici processi della nostra bocca, dove è importante il ripristino di forma e funzione, se questi persi o non acquisiti.

Giuseppe Massaiu

Condividi..